08 gennaio 2012

Quanti siamo nel mondo

Uno studio condotto in oltre 200 paesi dal centro di ricerche sulla religione Pew Forum ritiene che ci siano 2,18 miliardi di cristiani di tutte le età in tutto il mondo, il che rappresenta quasi un terzo dei circa 7 miliardi della popolazione mondiale. I cristiani sono anche così geograficamente diffusi che nessun singolo continente o una regione può affermare di essere il centro del cristianesimo globale.
Secondo lo stesso studio, nel 1910, circa due terzi dei cristiani mondiale viveva in Europa. Oggi, solo un quarto di tutti i cristiani vive in Europa (26%), mentre più di un terzo vive nelle Americhe (37%), uno su quattro in Africa sub-sahariana (24%) e circa uno su otto si trova in Asia e nel Pacifico (13%).
Il numero dei cristiani di tutto il mondo è quasi quadruplicato negli ultimi 100 anni, passando da circa 600 milioni nel 1910 a più di 2 miliardi nel 2010. Ma la stessa popolazione mondiale è cresciuta rapidamente, da circa 1,8 miliardi nel 1910 a 6,9 miliardi nel 2010. Di conseguenza, i cristiani costituiscono circa la stessa porzione di popolazione mondiale di oggi (32%) come hanno fatto un secolo fa (35%).
Questa apparente stabilità, tuttavia, maschera un cambiamento epocale. Sebbene l'Europa e le Americhe ospitino la maggioranza dei cristiani nel mondo (63%), la quota è molto più bassa di quanto non fosse nel 1910 (93%). E la percentuale di cristiani è scesa dal 95% nel 1910 al 76% in Europa e dal 96% al 86% nelle Americhe. Da evidenziare anche che la più bassa concentrazione di cristiani si trova proprio là dove il cristianesimo ha avuto inizio e si è inizialmente sviluppato più velocemente: Medio Oriente e Nord Africa (4%).
Per quanto riguarda le divisioni interne, circa la metà dei cristiani sono cattolici, il 37% protestanti, il 12% ortodossi, mentre la restante percentuale appartiene ad altre confessioni.
Nel loro insieme, tuttavia, i cristiani sono di gran lunga il più grande gruppo religioso del mondo. I Musulmani, il secondo gruppo, costituiscono un po' meno di un quarto della popolazione mondiale, secondo precedenti studi del Pew Forum.

Nessun commento:

Posta un commento